Maia continua a parlarvi dei metodi contraccettivi di tipo ormonale: in questo articolo vi parleremo di due metodi non molto conosciuti forse, ma sicuramente validi: il cerotto transdermico e l’impianto sottocutaneo. Se volete scoprire di cosa si tratta, continuate la lettura!

Cerotto Transdermico

Sottile cerotto composto da tre strati che contengono estrogeno e progesterone a basso dosaggio. Agisce per via transedermica, rilasciando quotidianamente nel sottocute la dose necessaria. Così facendo impedisce l’ovulazione e aumenta la densità del muco, ostacolando il passaggio degli spermatozoi, con un’efficacia del 97-99% in caso di corretto utilizzo.

Modalità d’uso: va applicato direttamente sulla pelle pulita e asciutta, glabra, priva di ferite, irritazioni o creme. Può essere collocato sul gluteo, braccio, spalla, parte bassa dell’addome, tranne che sul seno. Si utilizzano 3 cerotti al mese (il primo cerotto il primo giorno del ciclo), con applicazione settimanale (nello stesso giorno della settimana), lasciando poi 7 giorni di pausa, durante i quali comparirà la mestruazione. Per evitare l’irritazione della cute, è buona pratica cambiare la sede di applicazione, di tanto in tanto con pelli normali, settimanalmente in caso di pelli sensibili. Se il cerotto non aderisce perfettamente, va sostituito entro 24 ore. Se sono passate più di 24 ore dal distacco o non è possibile ricostruire quando è avvenuto, l’efficacia non è garantita, si consiglia quindi di utilizzare un altro sistema contraccettivo. Vomito e diarrea non riducono l’efficacia contraccettiva, cosa che invece accade con alcuni farmaci.

Vantaggi:

  • Facile utilizzo e applicazione
  • Vomito e diarrea non alterano l’efficacia contraccettiva
  • Dopo la sospensione del suo utilizzo, si ha un immediato recupero della fertilità
  • Non necessità lo stesso orario di riapplicazione (è sufficiente lo stesso giorno)
  • Non ha effetti sul metabolismo e sulla ritenzione idrica

Svantaggi:

  • Non protegge dalle malattie sessualmente trasmesse
  • Non è consigliato nelle donne che pesano >90 kg, in quanto lo strato adiposo sottocutaneo è maggiormente rappresentato e ridurrebbe il passaggio nel sangue degli ormoni
  • Ha degli effetti collaterali come nausea, cefalea, tensione mammaria
  • Necessita di prescrizione medica
  • Possibile oligomenorrea o amenorrea dopo la sospensione
  • Possibile spotting
  • Possibile dermatite da contatto

Impianto Sottocutaneo

È un bastoncino flessibile e biodegradabile posizionato sotto la pelle del braccio, composto di materiale plastico anallergico, atossico e biocompatibile, al cui interno contiene esclusivamente progesterone. Inibisce l’ovulazione e inspessisce il muco cervicale. È attivo sin dal primo giorno e dura 3 anni con un’efficacia del 99,95%. È infatti il metodo contraccettivo più efficace presente in commercio, in quanto la donna durante i 3 anni non deve fare niente e non vi è margine di errore, se inserito correttamente da personale medico.

Modalità d’uso: viene inserito sotto la cute del braccio dal ginecologo, ambulatorialmente, con un intervento rapido e indolore, in quanto in fase di inserimento e rimozione, viene somministrato un blando anestetico locale. In qualunque momento la donna cambi idea, può richiederne la rimozione. Trascorsi i 3 anni va rimosso, ma si può procedere immediatamente alla sua sostituzione. Efficace anche in presenza di vomito e diarrea.

Vantaggi:

  • Altamente efficace
  • Molto discreto (non si vede ed è solo leggermente percepibile al tatto)
  • Non prevede una assunzione quotidiana/settimanale/mensile (non lo si deve ricordare)
  • La sua azione è rapidamente reversibile
  • Utilizzabile in allattamento
  • Non ha effetti sul metabolismo
  • Salta l’effetto di primo passaggio del fegato
  • Evita il tratto gastrointestinale
  • Utilizza basse dosi, sempre costanti
  • Ha un costo che inizialmente può sembrare elevato, ma è molto conveniente data la sua durata triennale

Svantaggi:

  • Non protegge dalle malattie sessualmente trasmesse
  • Non si può sospendere autonomamente
  • È necessaria la prescrizione, posizionamento e rimozione da parte del ginecologo
  • Possibili spotting mensili
  • Possibile oligomenorrea, amenorrea
  • Non ha potenzialità terapeutiche
  • Effetti collaterali come cefalee, acne, cisti follicolari, labilità emotiva

Maia spera di esservi stata utile e di avervi fornito qualche informazione in più per poter scegliere consapevolmente il contraccettivo ormonale più adatto a voi. Per qualsiasi domanda e/o curiosità siamo a vostra disposizione.

 

A presto, Maia

 

*pics courtesy of the internet

Leave a Reply

Le ultime notizie dai nostri social.